Come gestire la reputazione su LinkedIn.com

Gestire la reputazione on-line è fondamentale sia per imprenditori sia per professionisti. Internet ha reso la gestione della credibilità un argomento dalle due facce: se da un lato è difficile controllare cosa dicono di voi, dall’altro è anche più facile raccontare e mettere a disposizione degli altri le informazioni che si desidera rendere pubbliche.

Un ottimo modo per gestire la presenza online è quello di utilizzare un profilo su LinkedIn.com. Linkedin sostanzialmente vi offre l’opportunità di riprendere i contatti con le persone con cui avete avuto rapporti di lavoro e di business ed, inoltre, è un canale molto visibile attraverso Google.

Se nutrite ancora qualche dubbio su questo social potrebbe esservi utile sapere che tutte le aziende della Fortune 500 sono rappresentate da collaboratori, manager e dirigenti che utilizzano profili personali ed aziendali. Queste aziende cercano di gestire la propria reputazione anche attraverso questo canale di comunicazione e sono consapevoli del fatto che le persone con più connessioni possono amplificare quest’opportunità.

Come gestire la tua reputazione con LinkedIn.com:

Fase 1 – Le basi
Crea un profilo pubblico ed includi tutte le precedenti posizioni professionali
Non tralasciare titoli di studio ed eventuali premi o onorificenze
Includi un link al tuo sito web, blog e altri profili dei social media
Consiglia libri, condivi esperienze e conoscenze
Scrivi suggerimenti e richieste da pubblicare sul profilo

 

Fase 2 - Migliora la tua esposizione
Aumenta le tue connessioni e chiedi ai tuoi contatti di primo livello di introdurti alle loro connessioni
Iscriviti ai gruppi di ex studenti della tua università e ai gruppi di interessi relativi alla tua professione e posta una breve introduzione personale
Pubblica il link del tuo profilo su LinkedIn sui biglietti da visita, firma e-mail, siti internet e brochure.
Esporta i contatti da altri social o siti e connettiti con loro

Fase 3 – Aumenta la tua credibilità
Interagisci con gli altri e mostra la tua competenza
Condividi link utili ad articoli e risorse che sono di interesse per clienti e prospect.
Crea e gestisci un gruppo sulla base delle tue competenze
Aggiorna regolarmente il tuo profilo e collegalo al tuo account Twitter.

E voi avete altri buoni modi per gestire la reputazione online?
Ci piacerebbe sapere di più su cosa fareste.

11 pensieri su “Come gestire la reputazione su LinkedIn.com

  1. Stavo proprio per iscrivermi a LinkedIn e cercavo maggiori informazioni a riguardo. L’articolo mi ha chiarito le idee, credo che la rete LinkedIn sia un ottimo strumento per farmi conoscere sul web.

  2. Linkedin è una porta verso il mondo del lavoro inteso come possibilità di lavoro, informazioni, discussioni e possibilità di interagire. Quindi esserci ne vale la pena e chi è indubbio non perde nulla a provarci, personalmente ho avuto la possibilità di collaborare con un paio di aziende. Aver speso 15 min a compilare il profilo è stato proficuo!

  3. Ciao a tutti sono nuovo di questo blog, vorrei rispondere a sandra: forse è vero che è uno strumento un pò freddo (come dici tu) ma Linkedin come tutta internet in generale permette molti vantaggi che non potrebbero essere disponibili diversamente.

    tutta la tecnologia in generale può sembrare che allenti i rapporti umani, ma consideriamo che ad esempio linkedin o chi per esso ci permette di creare contatti di lavoro che prima non era possibile avere…

    Se il rovescio della medaglia è sembrare più “freddi” allora a me va bene sembrare freddo!

    PREFERISCO DI GRAN LUNGA sembrare freddo ma faree network, lavorare ed avere possibilità di carriera, piuttosto che stare senza lavoro….

  4. non mi viene “naturale”, lavorare con questo canale, forse per un fatto generazionale, però credo di dovermi sforzare un po’ perchè è una grande opportunità per il mio lavoro, qualcuno può darmi suggerimenti?

  5. Confermo che per chi fa selezione del personale ormai LinkedIn è uno strumento fondamentale e da non sottovalutare. Un consiglio: tenere sempre aggiornato il profilo, rischiate diversamente di farvi sfuggire delle opportunità!

  6. simona tenere aggioranto il tuo profilo sui socialnetwork non è una missione impossibile. Dopo che ti sei iscritta dedicare 30 minuti a comporre il tuo profilo è più ch e sufficiente.

    Poi ogni volta che aggironi il tuo CV corri a modificare anceh il tuo profilo online…

    Insomma… niente di impossibile!

  7. OK Michela però andrebbe stimolato l’interesse nei confronti della tuo profilo, se sei appassionato di un settore puoi prendere parte a discussioni, commentare e dare un reale contributo. Ti assicuro (ed io lo faccio in prima persona) che bastano 5 minuti al giorno per guadagnare tanta visibilita.

  8. Salve a tutti, voi quale indicatore ritenete più interessante come indice di gradimento del vostro profilo in “Who’s Viewed Your Profile?” Visite al profilo o Visualizzazioni nei risultati di ricerca?

  9. @Stefania Io prendo in considerazione le “Visualizzazioni dei risultati di ricerca” come indice del numero di ricerche per TIPO DI PROFILO e “Visite al profilo” come indice di gradimento del profilo specifico di una persona…
    Altri dubbi?

  10. Uso regolarmente Linkedin. Si effettivamente è un po’ freddo, per questo l’ho collegato ai miei account Facebook e Twitter.
    Credo che questi tre social media possano una grande visibilità in rete a tutto quello che ci interessa comunicare di noi e darci la possibilità di metterci in contatto con il mondo per cogliere tutte le connessioni utili alle nostre attività.
    Sandro
    http://www.linkedin.com/in/sandrocecchi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


otto − = 7

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>