Lettera di presentazione: ecco come scriverla

 

lettera di presentazione

Quanti di voi possono dire di allegare regolarmente al proprio CV una lettera di presentazione che esprima chiaramente quali sono i vostri punti di forza?

 

Sono ancora moltissime, di fatto, le persone che non sanno come scrivere una lettera di presentazione, che non sanno esattamente a cosa serva e a chi si debba presentare, ragione per la quale, semplicemente, decidono di non occuparsene.

 

 

La lettera di presentazione rappresenta il biglietto da visita che attribuisce un valore aggiunto ad ogni CV inviato e rappresenta forse l’elemento più importante perché esprime le motivazioni che spingono il candidato a cercare lavoro in quella specifica azienda. La lettera di presentazione deve essere costruita su misura ogni qualvolta si decida di inviare la propria candidatura per una determinata posizione, perché deve essere in linea con la figura ricercata nell’annuncio di lavoro. Essa dovrà pertanto dare rilievo, di volta in volta, ad una piuttosto che ad un’altra qualità personale, in modo da convincere il selezionatore a leggere il vostro curriculum prima e a proporvi un colloquio di lavoro subito dopo.

 

Innanzi tutto curate la grammatica e la sintassi; rileggete la vostra lettera decine di volte se necessario: anche un piccolo errore di scrittura potrebbe indurre il selezionatore a pensare che mettiate poca cura in ciò che fate e che questo si possa ripercuotere anche sul lavoro. Non scrivete assolutamente che avete bisogno di lavorare a tutti i costi, che siete disoccupati e che vi state deprimendo; da evitare anche il fatto che quest’opportunità professionale possa arricchirvi e darvi la possibilità di crescere, perché questo il selezionatore lo sa benissimo! Il responsabile delle risorse umane vi assumerà solo se vedrà in voi quello specifico talento o quel particolare potenzialmente interessante che potrà dare valore aggiunto all’azienda.

 

La parola d’ordine è personalizzare! Ognuno di noi ha del potenziale e dei punti forti da mettere in risalto; che si tratti della formazione, delle esperienze professionali passate o della passione, tutto sta ad esporre questi elementi nel modo migliore possibile, con l’obiettivo di risultare convincenti. Il materiale che oggi ricevono i selezionatori è estremamente omologato: centinaia di CV e lettere di presentazione tutte uguali, molto spesso di candidati preparati e competenti, costruite su modelli precostituiti copiati da Internet o dal collega di lavoro di un amico.

 

La vostra lettera di presentazione e il vostro curriculum dovranno spiccare sugli altri, con un tocco di originalità che possa attirare l’attenzione del recruiter, quindi oltre al contenuto curate anche la cornice e cercate qualcosa che gli altri non hanno.

 

La ricerca di un lavoro richiede come è noto un impegno non indifferente, ma forse un tocco in più di creatività e quell’attenzione particolare con cui vi siete rivolti all’azienda
potranno far capire al selezionatore che siete la persona migliore da assumere.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


tre + 5 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>